Spheramed

Acne e cicatrici: questa volta è la cura a lasciare il segno


Buone nuove per il trattamento degli esiti cicatriziali post-acneici(e non solo) per merito dell’introduzione di un protocollo combinato Filler/Radiofrequenza frazionata che sta destando numerosi consensi in medicina estetica con notevole soddisfazione per tutti quei pazienti sino ad ora “condannati” a risultati insufficienti a fronte di cure e metodiche particolarmente aggressive, talvolta invalidanti e comunque decisamente costose.In realtà lo schema vincente nasce dal perfezionamento di due tecniche diverse già consolidate ed utilizzate negli ultimi anni.

Le tecniche per eliminare le cicatrici dell’acne

#1 – Combattere l’acne con la radiofrequenza frazionata

La Radiofrequenza frazionata, che sfruttando il calore generato da piccole colonnine termiche ha il potere di rigenerare e stimolare il tessuto cicatriziale con un piacevole effetto levigante

#2 – Combattere l’acne con l’acido ialuronico

Le microiniezioni  intracicatriziali con acido ialuronico “Skinboosters” che oltre ad un portentoso effetto di idratazione, riempiono le aree in cui la cicatrice ha lasciato una seppur minima zona di depressione.Nulla di nuovo…perché non pensarci prima allora?La risposta vincente risiede per l’appunto nel aver trovato dopo 2 anni di esperienza clinica un “cocktail perfetto” tra le due tecniche che prevede due sedute con Radiofrequenza frazionata Syneron Sublative distanziate di 3/4 mesi l’una dall’altra a cui si aggiungeranno all’interno di questo arco temporale 2/3 sessioni di “Skinboosting” con Restylane Vital Lidocaine.Lo sviluppo di nuove testine dorate monouso applicabili alla radiofrequenza decisamente più versatili ed ergonomiche e l’introduzione dell’applicatore in microgocce per la fiala iniettabile di Restylane Vital hanno poi permesso di raggiungere e perfezionare al meglio questo protocollo che sino ad ora sta portando a risultati decisamente migliori e finalmente ad una buonissima soddisfazione per i pazienti.Tale protocollo con delle piccole modifiche trova un’impiego di sicuro successo anche nel trattamento delle micro-rugosita del volto e del collo, nel“refreshing” dei tessuti ed in tutti gli stati cicatriziali post-traumatici.A quanto pare il futuro è gia arrivato….e per una volta contrastare gli insopportabili esiti lasciati da un’ acne più o meno violenta non sarà una battaglia persa in partenza..Per fortuna un protocollo vincente….che lascia il segno….